Chiunque, ovunque, sempre: la Giornata mondiale del rifugiato