All'ombra della diga: l’impianto idroelettrico sul Leno di Speccheri e Maso Corona

,

Dal: 30 Agosto 2012

Al: 18 Settembre 2012

Il primo maggio 1955 sette corriere partono da Verona alla volta del Trentino. Agsm, l’Azienda Municipalizzata veronese, che già si occupava dell’acquedotto, della fornitura di elettricità e gas, voleva portare il proprio personale in Vallarsa, nella zona tra Piano e Speccheri. Una festa aziendale per celebrare l’inizio del loro progetto più ambizioso: la creazione di un grande impianto idroelettrico. Dopo la messa e i discorsi ufficiali, vengono fatte saltare le prime mine, che danno idealmente avvio al cantiere. Il promotore e poi direttore di questa iniziativa era un giovane ingegnere, Giuseppe Zanella, che aveva ipotizzato questa struttura di massima: creare un grande bacino artificiale in Vallarsa, derivandone poi le acque verso la valle dell’Adige. Nella zona di Ala sarebbe sorta una centrale che avrebbe dunque portato l’elettricità verso la città di Verona. Il progetto venne in sostanza seguito: nella zona di Speccheri sorse la diga che, con la sua ragguardevole altezza di oltre 156 m, raccoglie 10 milioni di metri cubi d’acqua. Una galleria di derivazione di circa 8.7 km porta l’acqua alla condotta forzata, dove compie un salto di circa 650 m per azionare le turbine della Centrale, situata nella località di Maso Corona. I lavori, non ostante alcune battute d’arresto, procedettero spediti tanto che entro il 1958 l’impianto entrò in piena attività. Sguardo privilegiato sui luoghi del cantiere fu quello dello Studio fotografico Fratelli Pedrotti che ne testimoniò lo sviluppo: i fratelli, chiamati dall’Azienda a eseguire una campagna documentaria, realizzarono delle immagini nitide e affascinanti, che ancor oggi sono conservate presso l’Archivio Storico di Agsm Verona.

La mostra è organizzata all'interno del festival "Tra le rocce e il cielo" e sarà itinerante; nei prossimi mesi sarà allestita presso Le Gallerie di Piedicastello a Trento e presso gli spazi della società AGSM di Verona.

Ente organizzatore
Fondazione Museo storico del Trentino

Con la collaborazione di
Accademia della Montagna del Trentino
AGSM Verona Spa

Cura della mostra
Luca Nicolodi ed Eleonora Vicario
 

Coordinamento organizzativo
Alessandro de Bertolini

Progetto espositivo e grafico
Designfabrik

Video installazioni
Lorenzo Pevarello e Daniela Cecchin

Materiali di allestimento
Giacomo Berti Serigrafia Srl

Realizzazione allestimento
Squadra logistica e allestimenti della Fondazione Museo storico del Trentino

Prestatori
Famiglia “Virgilio Costa”

Si ringraziano:
Paolo Azzetti, Fiorenza Aste, Tommaso Baldo, Aldo Casonato, Danilo Castellarin, Geremia Gios, Serena Marchi, Alberto Manica, Gloria Maroso, Anna Taddei, Stefania Costa, Caterina Tomasi, Patrizia Zanolli, Silvia Zavagnin
Associazione culturale Tra le rocce e il cielo, Vallarsa
Archivio del Comune di Vallarsa
Archivio storico del Comune di Verona
Biblioteca Civica di Rovereto
Biblioteca Comunale di Trento
Museo della civiltà contadina, Riva di Vallarsa

ORARI
ore 9.00-12.00; 14.00-18.00. Dal 3 al 15 settembre su prenotazione al 3341330576

Informazioni

Vallarsa - Hotel Genzianella