Gabardini G. 51bis

Il pittore e ingegnere aeronautico italiano Giuseppe Gabardini (1879-1936) entrò in contatto con il mondo aviatorio a Parigi. Rientrando in Italia nel 1912, iniziò la costruzione del suo monoplano. Nel 1914, acquisita la AVIS di Cameri (Novara), inaugurò la scuola di volo che nel 1915-18 brevettò oltre duemila piloti, utilizzando quasi esclusivamente apparecchi di propria concezione e costruzione.

Il biplano biposto monomotore G. 51 fu progettato nel 1925 da Achille Landini ed Enrico Silvio Rolandi, sulla base dei precedenti G.8 e G.50 che avevano rivelato preoccupanti problemi strutturali. La fusoliera ha struttura in tubi d'acciaio, con rivestimento in lamierino per la parte anteriore e tela per quella posteriore, con due posti di pilotaggio in tandem. Le ali hanno longheroni in tubo d'acciaio e centine in legno, con rivestimento in tela. Gli alettoni, presenti sulla sola ala superiore in tubo saldato con rivestimento in tela, così come gli impennaggi. Il carrello fisso ha ammortizzatori a elastico e un pattino di coda. Il motore era un rotativo LeRhone 9J a nove cilindri, raffreddato ad aria, da 120 cavalli, residuato bellico, con un'elica bipara in legno a passo fisso.

La scuola di Cameri fu l'unica ad impiegare il G. 51, l'impiego addestrativo proseguì, su contratto della Regia Aeronautica, sino ai primi anni Trenta. Dei dieci esemplari immatricolati, quattro furono perduti in incidenti tra il 1927 ed il 1930, mentre i sei ancora in servizio furono ritirati nel 1935 quando la società fu liquidata.

L'apparecchio del Museo, penultimo della serie prodotta, fu costruito nel dicembre 1928 ed immatricolato nel gennaio successivo con marche I-AXAQ, con certificato di navigabilità in categoria scuola e acrobazia. Fu impiegato dalla scuola Gabardini sino al novembre 1935.

Il velivolo si presentava in buone condizioni generali, ma privo di alcuni elementi tra cui tutti i montanti alari, che vennero sistemati con il restauro degli anni Ottanta.

Riportato ai suoi colori originali, il G. 51bis sospeso al soffitto del Museo Caproni a pochi metri dal suolo è l'unico Gabardini esposto al pubblico.

CARATTERISTICHE
Apertura alare 8,62 m
Lunghezza 6,20 m
Altezza 2,46 m
Motore LeRhone 9J da 120hp
Peso a vuoto 530 kg
Velocità massima non rilevata

Le sedi della Fondazione

Direzione, Amministrazione, Area educativa, History Lab

Trento, Via Tommaso Gar 29
Tel. +39 0461 230482
Orario: da lunedì a venerdì, ore 9.00-17.00

Biblioteca e Archivi

Trento, via Torre d'Augusto 35
Tel. +39 0461 264660
Orario: da lunedì a giovedì, ore 9.00-17.00; venerdì, ore 9.00-13.00

Le Gallerie

Trento, piazza di Piedicastello
Tel. +39 0461 230482 (da martedì a venerdì); +39 328 3807024 (sabato e domenica)
Orario: da martedì a domenica, ore 9.00-18.00