Caproni Ca.60 "Transaereo Noviplano"

Il sogno di un aeroplano capace di ospitare fino a 100 passeggeri seduti, destinato alla traversata dell’oceano Atlantico, trova forma compiuta il 6 febbraio 1919 quando Caproni brevettò il progetto di un apparecchio costituito da un grande scafo sospeso a tre cellule triplane fra loro collegate da tralicci e ricavate dai bombardieri della serie Ca.4 dismessi dopo la guerra.

Il progetto di Gianni Caproni ed Alessandro Guidoni diede origine ad un enorme velivolo noviplano, denominato “Transaereo”, della lunghezza di quasi 25 metri, avente apertura alare di 30 metri e un peso a pieno carico di oltre 26 tonnellate. Nel 1919, la notizia del progetto fu ampiamente divulgata durante l’esposizione aeronautica tenuta a Taliedo e alla fine del 1920 il cantiere del Transaereo venne installato a Sesto Calende, sulle rive del Lago Maggiore, in un grande hangar coperto in tela.

Il 4 marzo 1921, giorno del primo volo, il pilota collaudatore Federico Semprini – all’insaputa di Caproni – effettuò una prova di flottaggio durante la quale per evitare l’impatto con un battello carico di passeggeri decise di tentare il decollo, sebbene la velocità fosse solo di poco più di 100 chilometri orari. Fu evitato lo scontro ma il velivolo finì in stallo precipitando successivamente in acqua.

Il prototipo subì danni irreparabili ma piloti e motoristi si salvarono. Il relitto venne riportato a riva, ma di lì a pochi mesi fu distrutto in un incendio dal quale vennero recuperati solo i frammenti giunti fino a noi: una parte della prua, i due galleggianti laterali, un motore e il pannello comandi. Definibile come l’equivalente volante delle navi allora impiegate nei collegamenti intercontinentali, il “Transaereo” rimase fino alla fine degli anni Trenta il più grande aeroplano mai costruito nel mondo e il primo esempio della storia di aeroplano destinato al trasporto di massa.

CARATTERISTICHE
Apertura alare 30,00 m
Lunghezza 23,45 m
Altezza 9,15 m
Motore Otto Motori V12 Liberty L-12 raffreddati a liquido
Peso a vuoto 14000 kg
Velocità massima 130 km/h 

Le sedi della Fondazione

Direzione, Amministrazione, Area educativa, History Lab

Trento, Via Tommaso Gar 29
Tel. +39 0461 230482
Orario: da lunedì a venerdì, ore 9.00-17.00

Biblioteca e Archivi

Trento, via Torre d'Augusto 35
Tel. +39 0461 264660
Orario: da lunedì a giovedì, ore 9.00-17.00; venerdì, ore 9.00-13.00

Le Gallerie

Trento, piazza di Piedicastello
Tel. +39 0461 230482 (da martedì a venerdì); +39 328 3807024 (sabato e domenica)
Orario: da martedì a domenica, ore 9.00-18.00